Sistema di Prevenzione

L’aspetto innovativo del progetto risiede nell’utilizzo di un sistema di prevenzione delle collisioni veicolari con la fauna selvatica che non è ancora stato utilizzato né sperimentato.

Si compone di: una centralina di gestione; quattro sensori radar doppler (due per rilevare velocità dei veicoli su entrambi i lati della carreggiata e due per rilevare presenza degli animali che si avvicinano alla strada); due cartelli stradali autoalimentati a pannello solare per segnalare la presenza della fauna selvatica agli automobilisti; un sistema di dissuasione sonora e luminosa.

Il sistema ha il seguente funzionamento: un sensore radar doppler (1) registra il passaggio di un animale e trasmette l’informazione a una centralina elettronica (2). Questa provoca l’attivazione di un segnale di allerta (3), con luce intermittente, per i guidatori, invitandoli a ridurre la velocità fino a un livello ottimale. Un sensore radar (4) registra se l’automobile in questione rallenta fino a una velocità desiderata. Se l’automobile rallenta, il sistema si ferma a questo punto. In caso opposto il radar trasmette un segnale alla centralina (2), che provoca l’attivazione di un sistema di dissuasione ottica e/o acustica (5) per l’animale, mettendolo in fuga.

Il sistema è dotato di una serie di sensori di funzionamento collegati a una piattaforma informatica, che permettono il controllo e monitoraggio a distanza dell’intero complesso, consentendo un immediato intervento in caso di errato funzionamento.

I sensori radar Doppler hanno una distanza di rilievo di 200 m e sono in grado di discriminare velocità comprese tra 0 e 299 km/h.

Il sistema di dissuasione sonora è costituto da una centralina digitale che può contenere al suo interno oltre 500 tipi di suono diversi. Il suo funzionamento prevede pause diversificate e mai uguali ed integra anche la variazione del volume audio in modo da eliminare il problema di assuefazione degli animali.

Nella sua messa in opera in particolari contesti ambientali, per essere sicuri che la disposizione dei sensori radar sia tale da garantire il rilevamento del passaggio della fauna selvatica, potranno essere installati dei tratti di rete elettrosaldata che serviranno a guidare il passaggio degli animali selvatici verso l’area coperta dai sensori .

Questo sistema sarà accompagnato dall’installazione sulla strada di specifici cartelloni che ne segnalano la presenza.
Questi cartelloni sono forniti di immagini e testi particolarmente accattivanti per attirare l’attenzione degli automobilisti.
In tal modo gli automobilisti, quando percorrono quel determinato tratto stradale vengono adeguatamente informati e sono maggiormente attenti al segnale di pericolo.

Principali vantaggi del sistema:

  • l’animale viene dissuaso ad attraversare la strada solo quando c’è un reale rischio di impatto con il veicolo, in questo modo non si interferisce con i suoi spostamenti all’interno del territorio e si evitano processi di assuefazione al sistema di dissuasione;
  • lo stesso discorso vale per il guidatore: il sistema di segnalazione luminosa di pericolo entrerà in funzione solo quando gli animali sono in prossimità della carreggiata.
  • rispetto ad altri sistemi di dissuasione, che sono estremamente sensibili a differenze di angolazione rispetto alla carreggiata e alla pendenza del terreno, questo sistema è più robusto e pertanto richiede una minore frequenza di intervento.
  • la piattaforma informatica di del sistema permette di avere il controllo a distanza sul suo funzionamento evitando così un grosso sforzo in termini di sopralluoghi sul territorio una volta che il sistema è funzionale.
  • tutti i componenti del sistema di allerta/dissuasione sono a norma CE e conformi con il codice della strada. Pertanto il sistema potrà essere adottato da tutti gli altri enti a livello nazionale senza presentare problemi dal punto di vista delle autorizzazioni e delle procedure.

Il punto di forza di questo sistema è rappresentato dal fatto che agisce simultaneamente sulla fauna selvatica e sui guidatori.

 

Ultima modifica il Venerdì, 10 Febbraio 2017 13:12